Anzitutto dallo scrupoloso controllo delle materie prime utilizzate, che devono essere sane e in buono stato di conservazione: inoltre, com’è ovvio, non devono contenere residui o contaminanti che abbiano rilevanza per la sicurezza sanitaria del prodotto nel quale verranno impiegate. Per assicurare questo livello di eccellenza delle materie prime al momento dell’utilizzo i produttori ne controllano l’origine e il processo di produzione. Nel settore dei vegetali, ad esempio, l’industria dei prodotti surgelati seleziona coltivazioni particolarmente adatte ai trattamenti di surgelazione. In questo campo la ricerca è molto attiva e sia il valore nutrizionale che le caratteristiche di resistenza alla congelazione degli ortaggi, attualmente già di livello elevato, sono destinate a migliorare ulteriormente.

Il processo produttivo dei vegetali inizia dall’azienda agricola che sceglie i terreni di coltura più idonei e seleziona le sementi allo scopo di assicurare un elevato livello qualitativo della materia prima, soprattutto in termini di caratteristiche sensoriali. La collaborazione tra azienda di trasformazione ed azienda agricola si esplica sia attraverso un’attenta programmazione della raccolta degli ortaggi al livello ottimale di maturazione, sia in modo da ridurre al minimo il tempo che intercorre tra la raccolta e la surgelazione e assicurare così il massimo risultato in termini di sapore e tenerezza.

Un prodotto maturo, lavorato appena dopo la raccolta, garantisce infatti il massimo livello di nutrienti, in particolare un elevato contenuto vitaminico. Per far sì che gli alimenti conservino intatti i princìpi nutritivi, nel tempo massimo di qualche ora le verdure vengono raccolte, selezionate, pulite, lavate, nuovamente selezionate, scottate in acqua bollente o a vapore e infine surgelate. Tutto ciò vale anche per il pesce che viene pescato in mare aperto e le cui lavorazioni preliminari (eviscerazione, filettatura, etc.) avvengono a bordo delle navi o in stabilimenti vicini ai banchi di pesca per garantire la massima freschezza. Nonostante si tratti di accorgimenti tecnologici già ampiamente praticati, la ricerca dei principali produttori è rivolta ad individuare le migliori modalità di raffreddamento rapido in funzione del tipo di prodotto ittico; tutto ciò al fine di offrire prodotti sempre più simili a quelli freschi.

A causa soprattutto dei sempre più pressanti impegni quotidiani di lavoro, il consumatore ha mutato rapidamente, negli ultimi anni, il proprio stile di vita. Oggi, dunque, le famiglie italiane tendono a ridurre al minimo i tempi per le preparazioni alimentari quotidiane e per le ricette più elaborate, ed è per questo che il servizio è diventato un parametro di così grande importanza. Va da sé, comunque, che rimangono fondamentali il requisito di sicurezza alimentare, la scelta delle materie prime ed i processi di trasformazione. I punti che indirizzano maggiormente verso l’acquisto di un prodotto alimentare sono quindi, fondamentalmente, la sicurezza alimentare, la qualità delle materie prime, le ricette della tradizione, interpretate in chiave moderna, le informazioni nutrizionali e, soprattutto oggi, un elevato grado di servizio. Le aziende che producono surgelati sono consapevoli dell’importanza di questi parametri e al momento l’offerta del surgelato è ritenuta la migliore risposta ad essi. Ovviamente, non si può trascurare l’importanza del prezzo dei prodotti, e quindi tutte le ulteriori innovazioni sono mirate a rendere sempre più percepibile ciò che il consumatore identifica come il valore effettivo del prodotto surgelato.

Nel panorama alimentare sono pochi i prodotti che, come gli alimenti surgelati, possono offrire così tanti vantaggi. Oggi, dopo circa quarantacinque anni di presenza sul mercato italiano, il consumatore è ben consapevole che la convenienza dei prodotti conservati con il freddo profondo non risiede solo nella loro praticità di utilizzo ma anche nel loro alto livello, sia dal punto di vista della qualità che da quello nutrizionale. Per comunicare ad un numero sempre più esteso di consumatori le caratteristiche degli alimenti surgelati esiste da moltissimi anni l’Istituto Italiano Alimenti Surgelati (IIAS). L’Istituto svolge una capillare opera di informazione attraverso il suo privilegiato rapporto con televisione e carta stampata assicurando, nel contempo, la più completa assistenza agli operatori del settore. Il successo del comparto degli alimenti surgelati è dimostrato dai risultati in termini di consumi (da oltre vent’anni in trend positivo), che motivano i principali produttori a realizzare prodotti sempre più innovativi e ricchi di convenienza per il consumatore. L’elevata qualità è certamente alla base della positiva affermazione dei surgelati, oggi scelti e consumati regolarmente da oltre il 90% delle famiglie italiane. Una scelta di qualità quella degli alimenti surgelati, garantita non solo dal costante impegno delle maggiori Aziende produttrici, ma anche da una severa normativa comunitaria, recepita dalla nostra legislazione. Una ulteriore sicurezza per il consumatore è offerta dai controlli delle Autorità Sanitarie che vigilano costantemente sul mercato, per garantire sempre un corretto stato di conservazione degli alimenti surgelati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi